Angeli per viaggiatori

Dopo l’egemonia di agenzie di viaggio e tour operator, è l’era del turista dai date. Prenotare un volo alla tariffa migliore su internet è un gioco da ragazzi, così come reperire tutte le informazioni necessarie. Ma internet non serve solo a trovare prezzi low cost, recensioni di hotel o consigli di viaggio: consente anche di connettere viaggiatori e residenti.

Tra le centinaia presenti a Napoli, in quale ristorante vale la pena cenare? Quali posti occorre assolutamente vedere? E quali sono le fregature per turisti da evitare assolutamente? Angeli per viaggiatori ha proprio questo fine: cittadini Napoletani che desiderano dare una mano a tutti i visitatori della città partenopea. Un Angelo custode che conduca per mano il turista alla scoperta degli itinerari meno commerciali e più autentici, dei luoghi più belli da visitare, dei ristoranti più tipici, dove apprezzare veramente la cucina del luogo.Un consigliere che ti assiste nella fase di preparazione del viaggio e che può essere disposto ad accompagnarti in giro e farti vedere Napoli da dentro. Angeli che vivono in un paradiso infestato da diavoli, che con questa operazione possono riscattare la loro città, dopo la tristissima emergenza dei rifiuti.

Il servizio è gratuito e prevede il semplice impegno verbale a restituire il favore, che per un viaggiatore è davvero prezioso.
I 240 angeli disponibili a diventare ciceroni possono essere selezionati anche in base a sesso, età e gusti personali, in modo da avere un consigliere adatto alle proprie esigenze. Al ritorno dal viaggio, è possibile anche dare un feedback all’angelo e scrivere il proprio diario di viaggio e l’idea prevede di estendere il progetto a molte altre città italiane. Si potrebbe defire un esperimento di Social Travel: l’esperienza di viaggio viene condivisa attraverso il web dall’inizio alla fine, con l’unico obiettivo di massimizzare l’autenticità dell’esperienza al minimo del costo.

Ma il progetto, nato da un professore universitario di Napoli, ha anche un nobilissimo fine sociale e culturale: i cittadini che diventano angeli hanno l’occasione di riappropriarsi della propria città, di vederla con gli occhi di persone esterne, di amarla e migliorarla. Da questa operazione, insomma, non ci guadagnano solo i viaggiatori.

Iniziativa da tenere d’occhio 😉