Non hai le idee ben chiare su che cosa sia un volo low cost? Vuoi volare spendendo il meno possibile ma non sai come fare? Questa guida che segue ti mette a disposizione tutte le informazioni di cui hai bisogno!

  • Cos’è un volo low cost: Un volo low cost è un volo messo a disposizione da una delle tante compagnie aeree low cost che ha un prezzo decisamente inferiore rispetto ad un volo di una compagnia di linea, poichè elimina alcuni dei servizi rivolti ai passeggeri e ottimizza i costi (manutenzione, acquisto di aeroplani, personale, amministrazione e distribuzione).
  • Come risparmiare con un low cost: Per risparmiare al massimo suo tuo volo low cost non volare mai nei weekend e nelle ore centrali della giornata: per spendere poco occorre partire in giorno feriale dal lunedì al giovedì, ed in orari un po’ improbabili (mattina molto presto o notte fonda). E’ importante sapere che le tariffe dei voli non sono mai fisse, ma variano da giorno a giorno e anche da un volo all’altro nella stessa giornata. Ad esempio un volo con partenza domenica pomeriggio o venerdì sera sarà molto più caro di un volo con partenza domenica mattina o il lunedì. E’ quindi necessario essere abbastanza flessibili sia con le date di partenza e ritorno che con gli orari: sulla stessa tratta e con la stessa compagnia, è possibile riscontrare differenze anche consistenti. Non è un caso , infatti, che alcune compagnie sul loro sito al momento della prenotazione offrono la possibilità di fare confronti tra date e orari diversi. Altro consiglio fondamentale è quello di prenotare il prima possibile e mai aspettare i last minute che in questo campo non esistono: le famose offerte speciali a 0,01€ (ma fra poco ci saranno anche le tariffe shock a 0€) si riferiscono sempre a prenotazione di voli con almeno 8 giorni di anticipo. In genere, si effettuano due finestre di prenotazione all’anno: in autunno per la stagione estiva, e in primavera per quella invernale: i momenti migliori per prenotare e risparmiare sono propri questi.
  • La comodità dei low cost: Quasi tutte le compagnie aeree low cost inviano esclusivamente e-ticket, ovvero biglietti elettronici contenenti solo il numero di prenotazione (PNR, Passenger Name Record): in questo modo si evitano tutti gli eventuali problemi di spedizioni dei biglietti cartacei, basta presentarsi alla biglietteria dell’aeroporto di partenza dotati del numero di prenotazione.

In cambio di tariffe incredibilmente basse, però, ci sono dei “prezzi” da pagare in termini di scomodità e scarsità di servizio:

  • Aeroporti minori: Spesso si parte di aereoporti minori, con una minore qualità di servizi, lontani dalla città e quindi più difficili da raggiungere e si atterra in aeroporti altrettanto secondari, che necessitano inevitabilemente altri mezzi di trasporto (e quindi altri costi): ad esempio Londra Stansted e Parigi Beauvais sono molto trafficati e ben serviti ma distano un’ora dalla città.
  • Attenzione alle tasse: Non tutte le compagnie utilizzano una chiara informazione pubblicitaria sulle tariffe: i prezzi sbalorditivi delle loro comunicazioni spesso non includono le tasse aeroportuali ed eventuali fuel surcharge (per una somma che va dai 20 ai 30 euro a biglietto) che spesso fanno davvero la differenza.
  • Sovrapprezzi dei bagagli: In questo caso non esiste una regole comune, poichè ogni compagnia low cost applica le proprie autoregolamentazioni, ma in linea generale il peso massimo consentito è sensibilmente inferiore rispetto ai voli di linea, ed ogni kilogrammo in più si paga al check-in in maniera piuttosto salata. E’ buona norma quindi informarsi direttamente alla compagnia per le regole sui bagagli a mano, peso e carichi speciali (ad esempio gli animali).
  • Difficoltà nelle coincidenze: La maggior parte delle compagnie low cost offrono un numero di rotte dall’Italia piuttosto limitato e suddiviso su pochi aeroporti italiani. D’altro canto però uno o due aeroporti di riferimento attraverso i quali fanno girare tutte le loro rotte (hub): è quindi possibile, una volta giunti in uno di questi hub, avere accesso a moltissime altre località servite dalla compagnia, triangolando la rotta su due voli. Ad esempio, Ryanair, attraverso Londra Stansted, serve oltre 120 città in tutta Europa! Il problema è costituito dal fatto che nonostante attraverso la triangolazione sia comunque conveniente volare low cost, le compagnie non garantiscono in alcun modo le coincidenze, ovvero, in caso di ritardi o di nuovi check-in è molto facile perdere i voli in coincidenza. E’ quindi necessario lasciarsi un ampio margine di sicurezza tra un volo e l’altro (indicativamente almeno due ore con il solo bagaglio a mano, circa 3 ore se invece viaggiate con le valigie e necessitate quindi di un nuovocheck-in).
  • Assenza del pasto a bordo: Al contrario di tutte le compagnie di bandiera, anche le meno blasonate, le compagnie low cost non offrono alcun tipo di ristorazione a bordo, se non a salatissime cifre.

Per approfondire l’argomento consulta la guida alle compagnie low cost e alle destinazioni raggiungibili dall’Italia:

<< Torna alla Guida Viaggi Low Cost