E’ partita l’8 Marzo scorso da Milano, il giorno della festa delle donne. I primi chilometri su vecchie Vespe dei fidanzati, poi sulle autostrade italiane, slovene e croate chiedendo un passaggio in autostop, esibendo i loro vestiti bianchi e il cartello di cartone che indica a pennarello la località da raggiungere.

Autoironica e scanzonata come lo pseudonimo che si è attribuito, Pippa Bacca è morta con un’idea arditamente poetica del viaggio: “Il viaggio è da sempre un mezzo ed un fine, è una scelta di vita o per alcuni l’unico modo possibile di vivere, è la metafora della vita stessa. Viaggiare con mezzi poveri mette in relazione il viaggiatore con la popolazione locale; viaggiare in autostop, fa sì che uno straniero si metta nelle mani di altri viaggiatori, ma ancora piu spesso dei locali o di chi dello spostamento ha fatto il suo mestiere. La scelta del viaggio in autostop è una scelta di fiducia negli altri esseri umani, e l’uomo, come un piccolo dio premia chi ha fede in lui. ”

Dall’incontro con Silvia Moro è nato Brides on Tour, “… Il sogno di percorrere in autostop i paesi che sono stati sconvolti da guerre recenti e non sempre completamente sedate. Il viaggio non sarebbe il normale viaggio di due viaggiatrici ardite, ma il viaggio di due bellissime spose vestite per un matrimonio che forse è già avvenuto o che non avverrà o forse è rappresentato dal viaggio stesso .”

Vestite da sposa con abiti di Byblos, le due ragazze avrebbero dovuto percorrere i Balcani e il Medio Oriente, con destinazione finale Israele e la Palestina: “Un matrimonio con la terra , la pace, con la gente tutta, alla ricerca dello sposo? Chi è e cosa rappresenta lo sposo? Due le spose, due il numero dell’incontro, del reciproco e del femminino, del pari,del multiplo,del diverso. Le letture di un gesto artistico di questo tipo sono infinite. La sposa è il bianco, la luce, il femminino, generatrice di vita, quindi di pace, dell’amore e della purezza. L’abito, l’unico che che porteranno con sé, inevitabilmente perderà il suo candore per arricchirsi e diventare il supporto, il testimone, il diario narrato dalle tracce lasciate dalle materie dei luoghi attraversati, dai reperti raccolti lungo il cammino… e dai ricami delle donne locali per esempio, essendo il filo, in tutto il mediterraneo l’elemento decorativo e quindi di narrazione, di tutti gli abiti da sposa.

[…] Gli abiti, al termine del viaggio saranno le opere d’arte da esporre, insieme naturalmente a tutte le testimonianze raccolte e manufatti realizzati.”

Pippa Bacca è andata sola, sorridendo, incontro alla morte. Scrivetele qui un messaggio.