Dopo il quasi disastro della scorsa settimana, quando un aereo di una delle più sicure compagnie aeree di linea al mondo, un Boeing 777 appartenente alla British Airways, ha effettuato un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Heathrow, è aumentata l’attenzie e la preoccupazione per la sicurezza degli aerei. Partiamo dal cinema: in Rain Man, Tom Cruise dice a Dustin Hoffman: “Tutte le compagnie aeree precipitano una volta o l’altra. Ciò non vuol dire che non siano sicure”. Hoffman, amante della statistica, risponde: “Quantas. Qantas non precipita mai”.

Incidente British Airways

Il che non è esattamente corretto: la compagnia aerea australiana, durante i suoi 87 anni di attività, ha subito diversi incidenti fatali nei suoi primi giorni di vita, che coinvolsero per lo più biplani.

Qantas rimane comunque la compagnia compagnia aerea più sicura se si misura la sicurezza in base al numero di chilometri che un vettore ha volato senza avere incidenti mortali. Detto questo, centinaia di compagnie aeree – compresi easyJet, Aer Lingus e Virgin Atlantic – non hanno mai avuto incidenti fatali (qui l’elenco completo).

In novembre, l’Unione Europea ha stilato la black list di tutte le compagnie aeree considerate non sicure, vietando il proprio spazio aereo a numerosi vettori tra cui compagnie della Guinea Equatoriale, dell’Indonesia, del Kirghizistan e della Liberia. Il vettore nazionale dell’Indonesia, Garuda, per esempio, ha avuto 14 incidenti mortali negli ultimi 50 anni.

Quali aerei sono gli aerei più sicuri? Fino al recente incidente a Heathrow, il Boeing 777 e l’Airbus 340, che sono stati in funzione solo per pochi anni, aveva subito il minor numero di incidenti. Per una tabella con tutti gli aerei più sicuri, basata su i tassi di incidenti, qui c’è un articolo esaustivo.