La proposta che arriva dalla Gran  Bretagna e che sto per presentarvi ha un ideale di fondo niente male: diminuire il prezzo del biglietto aereo per ampliare la fascia di potenziali utenti. Per il resto, invece, penso che sia un pò scomodo. Si tratta, infatti, di introdurre a bordo degli aerei sgabelli posti ai lati e nel corridoio, proprio come in autobus, al posto delle comode poltrone, per fare in modo che possano sedere più persone e di conseguenza che possa scendere il prezzo del singolo biglietto. La situazione disegnata da questa società specializzata nel design interno degli aerei è quella di assimilare l’interno di un aereo ad un autobus o ad un metrò.

Una soluzione che senza dubbio accontenta sia il vettore, che vede aumentare i propri incassi, sia i passeggeri più attenti al prezzo e i fanatici della filosofia low cost, che pur di viaggiare rinunciano alla comodità a fronte del prezzo basso del biglietto aereo. Per diverse ragioni, tale arredamento verrà impiegato solo per le tratte brevi (quelle per intenderci dai 30 agli 80 minuti). Si stima inoltre che le compagnie aeree aumenterebbero l’incasso dei biglietti del 50%.

Questa novità di design ha già destato l’attenzione di diverse compagnie non solo europee, ma anche asiatiche. Qualche tempo fa l’amministratore delegato Michael O’Leary di Ryan Air si era messo in trattativa con l’americana Boeing, per adattare gli aerei trasformando le tradizionali poltrone in seggiole verticali, per far sedere solo in fase di decollo e atterraggio i passeggeri che avevano prenotando pagando il 30% in meno del biglietto tradizionale.

Chissà come sarà l’aereo del futuro?