Aeroporti

Per il secondo anno consecutivo gli scali italiani registrano un calo di passeggeri, -3%. Si tratta di quasi 4 milioni di viaggiatori, da 133,8 a 130 milioni. Anche i voli segnano una diminuzione, -6%, così come il trasporto merci: -10%.

Dai dati riportati qualche giorno fa da Assaeroporti che analizzano il traffico aereo del 2009 emerge che a perdere più traffico sono stati gli scali principali, mentre molti dei piccoli e medi hanno guadagnato, soprattutto in virtù dell’apertura di nuove rotte low cost. Roma Fiumicino, ad esempio, scelto da Alitalia come hub a discapito di Malpensa, perde il 6,4% di passeggeri. Malpensa, dal canto suo, nonostante abbia attirato nuove compagnie aeree, in primis Lufthansa e easyJet, perdendo Alitalia ha chiuso a -9,4%.

Il terzo aeroporto italiano, Linate, perde ben l’11,5%, mentre, al contrario, il quarto aeroporto italiano per grandenzza, Bergamo, guadagna il 10,7%. Sono proprio gli aeroporti medi e piccoli che con le loro buone crescite attenuano il crollo di quelli più grandi. Oltre al già citato Bergamo Orio al Serio, Trapani cresce del 98,9% e Bologna del 13,3%, trainati dall’apertura dei voli di Ryanair,

Per quanto riguarda la classifica delle compagnie aeree, Alitalia, compresa Air One e le controllate Az Express e Volare Airlines, totalizza 244.836 movimenti aerei, collocandosi così al primo posto. Al secondo avanza Ryanair, con 116.692. Al terzo si ferma Lufthansa con 97.008. Al quarto easyJet con 74.275 movimenti.

Il 2010 vedrà Ryanair scavalcare tutti ed aggiudicarsi il primo posto?