Buoni Vacanza

La data ora c’è: 20 Gennaio 2010. Da quel giorno sarà possibile prenotare i tanti attesi buoni vacanza. Con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del 25 Novembre scorso, infatti, il Dipartimento per lo sviluppo economico ed il turismo ha definito le modalità per poter accedere ai buoni.

Per presentare domanda occorre osservare questi vincoli: essere cittadini italiani e rientrare nei seguenti limiti di reddito.

Numero componenti nucleo familiare Redditi lordi del nucleo familiare spesa massima turistica richiesta e calcolabile ai fini del contributo Percentuale di contributo statale da applicare e corrispondente importo del contributo statale Corrispondente importo del contributo statale Importo a carico del richiedente da versare
1 da 0 a 10.000 € €500 45% €225 €275
1 da 10.000 a 15.000 € €500 30% €150 €350
1 da 15.000 a 20.000 € €500 20% €100 €400
2 da 0 a 15.000 € €785 45% €353.25 €431.75
2 da 15.000 a 20.000 € €785 30% €235 €549.5
2 da 20.000 a 25.000 € €785 20% €157 €628
3 da 0 a 20.000 € €1.020 45% €459 €561
3 da 20.000 a 25.000 € €1.020 30% €306 €714
3 da 25.000 a 30.000 € €1.020 20% €204 €816
4 e altre da 0 a 25.000 € €1.230 45% €553.50 €676.50
4 e oltre da 25.000 a 30.000 € €1.230 30% €369 €861
4 e oltre da 30.000 a 35.000 € €1.230 20% €246 €984

Il fondi vengono elargiti fino ad esaurimento sulla base del criterio di priorità cronologica di presentazione ed hanno il black-out dei periodi luglio-agosto e 20 dicembre – 6 gennaio 2011. Il contributo può essere erogato una sola volta per nucleo famigliare ed i taglio dei buoni sono da €20 a €5, spendibili anche separatamente il tutte le strutture convenzionate. La gestione dei buoni avverrà tramite l’associazione no profit BVI (Buoni Vacanza Italia) e la richiesta avviene tramite procedura online, con autodichiarazione di reddito. A conclusione della procedura verrà rilasciato un codice di prenotazione, da presentare ad una filiale della Banca Intesa entro 10 giorni. Sarà la banca stessa a inviare al domicilio i buoni, qualora l’esito della richiesta risultasse positivo.

La procedura mi sembra abbastanza complicata, stante anche il fatto che, dato che l’obiettivo è aiutare ad andare in vacanza le famiglie meno abbienti, è necessario un collegamento internet, che forse quelle famiglie non possono permettersi. Staremo a vedere quale sarà il risultato.