Su The Herald la dichiarazione è di quelle pensanti: Ryanair è sul piede di guera con lastminute.com e con le altre agenzie di viaggio online. In particolare la compagnia irlandese lamenta i rincari molto pesanti sulle tariffe che possono arrivare fino al 133% , ma anche l’impossibilità di prenotare online i bagagli e di fare il check-in, l’inesattezza delle informazioni date e l’impossibilità di effettuare cambi da parte di lastminute.com.

Peter Sherrard, portavoce di Ryanair, annuncia che farà tutto ciò che è ragionevolmente possibile per fermare l’accordo commerciale con l’agenzia online. Pare che la compagnia low cost stia già cominciando a bloccare le transazioni per determinati numeri di carta o indirizzi IP, in mancanza di altri sistemi tecnologici attendibili per impedire la rivendita (ovvero il rincaro!) dei biglietti da parte delle agenzie.