Oggi ospitiamo con estremo piacere questo utile post scritto da un nuovo amico, Andrea di Traveleurope Blog. A me non resta che augurarvi buona lettura 🙂

Pasqua a Praga in coppia, 4 giorni e 3 notti senza svenarsi? È possibile, basta organizzare bene il viaggio, altrimenti si rischia di incappare in spese extra-budget. Ma soprattutto perché Praga a Pasqua? Perché se la Germania e il Trentino sono famosi per i mercatini di Natale, il top per i mercatini di Pasqua è Praga. Nei dieci giorni che anticipano la Festività, sulla piazza della Città Vecchia e in Piazza Venceslao sono allestiti i classici chalet dove si trova di tutto, dagli oggetti artigianali in legno e cristallo, alle bambole in tessuto, a tutte le specialità gastronomiche nazionali e pasquali, come il beranek, agnello arrosto ma ricoperto di glassa al cioccolato. Provare per credere.

Praga

L’organizzazione è fondamentale

Il primo risparmio è sul viaggio aereo. Non resta che incollarsi a Internet e sfogliare tutti i siti di comparazione voli esistenti in rete. E’ una specie di lavoro, perché non è detto che si riesca a trovare subito un volo economico per Praga. E’ un’operazione che va ripetuta su più giorni: è un po’ come decidere di comprare azioni. Quando è il momento migliore? Quando il prezzo è quello giusto? Non rischio di avere un prezzo più basso domani? Non rischio di trovarlo solo più elevato? Insomma la ricerca del volo può diventare un gioco al ribasso, ma anche uno stress. Fatelo in coppia che alleviate la tensione e datevi il compito (di straforo anche dall’ufficio) di cercare, sondare, scandagliare e battere il web … sito a sito, per trovare l’offerta migliore. Che, ripetiamo, è quella che in genere possono offrire i comparatori di voli di compagnie low cost.

Lo stesso per l’hotel, anche se in effetti qui i prezzi sono un po’ più stabili. Ma trovare l’hotel nel centro storico di Praga che fa il caso vostro è comunque un altro … lavoro. Assolutamente da fare in coppia per soddisfare al meglio tutte le esigenze. Anche qui la scelta non può che cadere sui siti di offerte di hotel. Ma è importante non scegliere solo in base al prezzo. I migliori siti di comparazione hotel offrono anche i classici ‘commenti’ di chi è già stato ospite. Scegliere un hotel a Praga a Pasqua però può non essere così economico come in altri periodi: ma le offerte di alloggio non mancano e le prenotazioni anticipate sono sempre una garanzia di risparmio.

Anche in città è fondamentale l’organizzazione

E’ certo che per risparmiare al massimo c’è sempre l’opzione do-nothing, che consiste nel non fare niente, ma proprio niente, per 4 giorni. Ma già che siete qui, pagato il volo, pagato l’hotel, conviene approfittarne per conoscere la città. Sempre al massimo risparmio però. Un’opzione davvero interessante la offre la Praga Card. Con 52 euro a testa, per 4 giorni si ha la possibilità di visitare un’infinità di musei, monumenti, gallerie d’arte, palazzi istituzionali, siti turistici, ma anche ristoranti e locali, gratis o a prezzi assolutamente ridotti. Ci sarebbe anche la Card a 77 euro a testa che comprende i trasporti pubblici, ma per gente … low cost, delle belle passeggiate nella primavera di Praga sono l’ideale.

Praga

Cose da fare gratis a Praga

Il giro dei mercatini di Pasqua a Praga non costa nulla. Se siete credenti, la Messa domenicale nella splendida Cattedrale di San Vito è uno spettacolo di gente, canti e atmosfera. Ed è gratis. Ovviamente un tour di Praga non può prescindere dai più classici luoghi turistici. Citiamoli velocemente.

  • Il Castello di Praga, protagonista di un romanzo di Kafka, è visitabile con pochi euro grazie alla Praga Card, ma per chi ha fretta basta un giro lungo il perimetro ammirando i magnifici giardini. All’interno delle mura del Castello si trova la Cattedrale di San Vito (Malostranské námÄ›stí) e il famoso Vicolo d’Oro (Zlata Ulicka) il vicolo dove c’erano le botteghe degli alchimisti.
  • Da non perdere assolutamente è lo Josefov, il ghetto ebraico di Praga, con i vicoli stretti, le case una sopra l’altra e il cimitero, dove sono sepolti, per ottimizzare gli spazi, strati e strati di tombe.
  • Lungo la Modava si trova il Palazzo Danzante, una struttura della metà del 1990 dedicata a Ginger Rogers e Fred Astaire.
  • Sempre sulla Moldava si trova il Ponte Carlo sempre pieno di gente, turisti e artisti di strada. Con un ottimo sconto si possono visitare le torri del Ponte Carlo, da cui ammirare uno splendido panorama di Praga.
  • A Staré MÄ›sto da non perdere ci sono l’orologio astronomico di Praga, Palazzo Kinský, e la torre del municipio. Da qui, senza farsi indurre in tentazione, iniza Pařížská Street, la principale via dello shopping di Praga.
  • Per gli amanti dei musei da non perdere, con ingresso scontato grazie alla Praga Card, il Museo Nazionale Ceco.
  • Interessante è anche la passeggiata sulla collina di Petřín sulla sponda sinistra della Moldava. Un cucuzzolo di circa 300 metri, dove si trova la torre di Petřín, altro luogo per ammirare tutto il panorama della città e il labirinto degli specchi. Tutta la collina è un bellissimo giardino dove stare in tutta tranquillità.

Per chiudere, altre possibilità di gratuiti (o davvero low cost) da visitare a Praga: i giardini del Senato a Wallenstein Palace; il Museo Ceco della Musica che di lunedì organizza visita guidate e gratuite; lo Zoo di Praga con i suoi 5000 animali; il Praga Beer Museum dove degustare birra a pochi euro; il Dox Museum di Arte Contemporanea con alcune interessanti opere di giovani artisti; il Cafe Slavia frequentato fin dal 1880 da artisti e bohémien, il vigneto a Grebovka in pieno centro città.

Nel weekend concedetevi infine un momento di piacevolissimo relax con un tour di tutto il centro storico sul mitico tram della linea 91. Un modo estremamente low cost per vedere in un’ora e mezza tutto il centro storico della Capitale Ceca.

Riassumendo. 4 giorni a Praga (3 notti) per due persone: 200 euro i voli, 100 euro per la camera, 300 euro per mangiare (bene), 104 euro le Praga Card, 100 euro per extra e regalini presi ai mercatini di Pasqua: totale 804 euro in due.
Poco? Tanto? Dipende ovviamente, ma se risparmiate sugli extra (niente regalini) e decidete di mangiare ‘leggero’ (panini e insalate) i costi si tagliano ulteriormente.